Intervista ai candidati sindaco a Senago: Lucio Fois

Lucio Fois, candidato sindaco della coalizione fermata dal Partito Democratico e da Insieme per Senago.

Innanzitutto benvenuti a tutti e grazie d’aver accettato l’invito. Iniziamo con la più classica delle domande: perché avete scelto di candidarvi?

Sono il sindaco uscente.
Desidero mettere nuovamente la mia esperienza a servizio dei cittadini. Il mio biglietto da visita è la realizzazione di oltre il 90% degli obiettivi fissati dal programma del mio mandato. Ci sono progetti ancora in itinere e altri obiettivi nuovi da realizzare, per crescere ancora.

Sappiamo molto bene che spesso le amministrazioni pubbliche lamentino scarsità di risorse economiche. Stando a ciò che si è detto in questi anni è una cosa che vale anche per il Comune di Senago. Voi come pensate di farvi fronte? Provocatoriamente vi chiedo: questo vuol dire che i cittadini non possono sperare in una pur piccola riduzione delle tasse locali?

Le risorse economiche in tempo di patto di stabilità sono davvero esigue.
In questi anni ho dimostrato di saper “cavar sangue dalle rape” del bilancio e credo di aver individuato ulteriori possibilità, anche in collaborazione con i privati con il project financing.
La vera provocazione è mantenere i servizi e la loro qualità elevata, senza aumentare le tasse, come intendo continuare a fare io.
Perché a tagliare le tasse mettendo in difficoltà i cittadini offrendo servizi di bassa qualità son bravi tutti.
Ma quando parliamo, per esempio, di buoni pasto scolastici, non credo che nessuno voglia far risparmi sulla pelle dei bambini.
Pagare tutti per pagare meno, questo l’unico modo per abbassare le tasse e mantenere i servizi.

Manutenzione delle strade, trasporto pubblico e mobilità sostenibile, cura del verde pubblico: sono altri due argomenti su cui le critiche in questi anni sono abbondate. Come vi ponete di fronte a questi problemi? Sulla cura del verde pubblico pensate di coinvolgere ancor più maggiormente le associazioni dei cittadini? E per i trasporti pubblici? Pensate poi di creare una rete di postazioni di ricarica per auto elettriche o di introdurre servizi di car sharing?

Con le poche risorse a disposizione io mi meraviglio ancora di essere riusciti a rifare il manto stradale di Km di strade, rilevate in condizioni davvero disastrose. Ne troveremo altre per finire il lavoro nei prossimi cinque anni.
Il trasporto pubblico soffre della scomparsa della provincia, che aveva deleghe e risorse economiche per occuparsi di trasporto tra Comuni vicini ma non limitrofi. Abbiamo un bisogno grande di ripartire su questo tema, e penso per esempio ai nostri studenti che frequentano le scuole in altri comuni.
Sul car sharing, al momento mi sembra una valida metodologia ma cucita di misura delle grandi città, considerando anche ciò che si è visto nei Comuni della nostra zona che l’hanno sperimentato.
Così come i punti di ricarica per auto elettriche che solo ora stanno cominciando a diffondersi nelle grandi città, veri poli attrattivi dei flussi dalle periferie. Ovviamente non escludo che anche Senago posso dotarsi di questo servizio, magari limitato a pochi stalli, ma prima dovremmo affrontare altre priorità come il rifacimento della pubblica illuminazione che in termini ambientali per la nostra comunità significa compiere un passo davvero importante.
La potatura degli alberi nei viali è stata completata. Credo che lo strumento di collaborazione con le associazioni di cittadini sia da percorrere sta per reperire risorse che per diffondere la cultura dell’impegno civico.

Sicurezza e immigrazione. Molti cittadini osservano un peggioramento delle condizioni di sicurezza del paese: voi cosa intendete fare in merito? Quali strumenti pensate di mettere in campo? Per quanto riguarda gli immigrati invece, anche Senago pare destinata a ospitare dei profughi richiedenti asilo, in accordo col Piano Nazionale di ripartizione stilato fra ANCI e Ministero degli Interni. Voi come vi ponete di fronte a questa esigenza?

Sulla sicurezza io credo che ci sia un divario grande, tra percepito e reale. Questo anche per la risonanza data dai social media su questi temi.
Introdurremo comunque la “sorveglianza del vicinato, oltre a collaborare e muoverci in sinergia con le forze dell’ordine
E guardi, io non credo che sicurezza sia da considerarsi solo l’aggressione da parte di sconosciuti o i furti. A me sta a cuore anche fare tutto il possibile affinché le mie concittadine conoscano i loro diritti e vengano tutelate in caso di violenze private a loro o ai loro figli, il nostro Comune è sempre in prima fila sul tema tanto da essere diventato capofila per la zona. Per questo ci attiviamo anche con campagne di sensibilizzazione in occasione della giornata del 25 novembre contro la violenza sulle donne.
Sulle quote di rifugiati da dividersi nei comuni Senago ha firmato il protocollo del questore.
Il clamore per trovare soluzioni per 30 persone che scappano da guerre e persecuzioni, con fondi elargiti dallo Stato, è del tutto ingiustificato e anche a tratti nauseante. Rapportando il numero a una popolazione di 21.500 abitanti si capisce come parlare di “invasione” sia aritmeticamente ridicolo. Così come ridicolo è il diffondere menzogne sulla eventuale sistemazione dei migranti sopra la materna di via Monte Grappa. Come si fa a ipotizzare tale sistemazione? Sciacalli che speculano sulle paure dei nostri concittadini giocando con la vita di altri.

Spesso si sono sentite lamentele riguardo al fatto che il Comune non ascolta o ascolta poco i cittadini. Puntualmente ad ogni campagna elettorale tutto promettono di rendere l’amministrazione pubblica più vicina alle persone. Ma, nel concreto, come vorreste realizzare questo avvicinamento? Sfrutterete anche la tecnologia, magari con una app dedicata, per interloquire direttamente coi cittadini e raccogliere le loro segnalazioni?

Il vero problema è che spesso si fanno coincidere il concetto di “ascolto” com quello di “fare proprio”. Per semplificare, ben vengano le opinioni, i suggerimenti e le lamentele di tutti, che sollecitiamo. Ma, una volta ascoltato può succedere che non si sia d’accordo con quanto suggerito, o si riconosca il problema esposto ma si trovi un’altra soluzione.
O si ritenga che l’opinione espressa contrasti con i principi che ci hanno portato alla candidatura.
Poiché i cittadini ci danno mandato di decidere per loro, con la democrazia rappresentativa, si ascoltano tutti, ma poi si prende una decisione che sia coerente con le nostre posizioni, e, cosa affatto secondaria, con ciò che il budget di bilancio ci mette a disposizione.

Capitolo vasca di laminazione: dato che ormai il cantiere coi lavori è già partito, quali azioni vorrete intraprendere nei confronti di questo progetto? Come vi regolerete riguardo all’eventuale chiusura di alcune strade, all’aumento del traffico, al conseguente aumento di inquinamento?

I nostri ricorsi fino ad ora sono stati rigettati. Continueremo a portare avanti tutte le ipotesi di opposizioni all’esecuzione dell’opera, se giuridicamente sostenibili, faremo controlli per assicurarci che i lavori avvengano nel rispetto delle norme e ridurremo più possibile i disagi che ricadono sulla nostra Comunità.
Ci adopereremo per creare un protocollo di intesa tra: Lombardia, Comune di Milano e AIPO che ci assegni un ruolo di controllo con il monitoraggio della gestione e manutenzione, ordinaria e straordinaria dell’opera, esonerandoci da ogni possibile forma di contribuzione economica.
Per non aggiungere al danno, anche la beffa.
La chiusura di via De Gasperi? Guardi, so benissimo quanto è importante per il nostro sistema viario ma l’alternativa già accolta dal proprietario della strada (Città Metropolitana) è quella dell’impianto semaforico. Questa soluzione è stato bocciata dal nostro ufficio di Polizia Locale perché comporterebbe ricadute pesanti in tutte le direzioni, con via Repubblica e Don Rocca che potrebbero risultare congestionate per buona parte della giornata. In accordo con la Polizia Locale proponiamo, in alternativa un by-pass che colleghi la via De Gasperi con la via Stati Uniti D’America e quindi la via Brodolini garantendo il collegamento nord-sud e lo scorrimento continuo del traffico di attraversamento senza gravare sui quartieri residenziali, primo fra tutti il Quartiere Papa Giovanni XXIII per il quale è allo studio una ZTL destinata alla tutela dei residenti.
Parlare di aumento di inquinamento per una chiusura delle strade, vuol dire, comunque, perdere di vista il fatto che facciamo parte dell’area metropolitana di Milano, una delle più inquinate d’Europa.

Il plesso scolastico di via Repubblica è stato oggetto recentemente di urgenti lavori di ristrutturazione, imposti dopo un sopralluogo dei vigili del fuoco. Proseguirete con la verifica e l’eventuale ammodernamento degli altri plessi? In generale, quali politiche applicherete per la scuola?

A senago abbiamo 12 sedi scolastiche pubbliche (tra nido, prima infanzia, elementari e medie) costruite tra il 1917 e gli anni ‘80. Durante il mio mandato si sono aggiunti, oltre alla manutenzione programmata, diversi interventi d’urgenza, realizzati sempre mettendo davanti a tutto la sicurezza di alunni, docenti e personale non docente.
Abbiamo eseguito interventi per un importo di
1.000.000,00, sia alla Scuola dell’Infanzia (soletta del pavimento, impianto di riscaldamento, prevenzione degli incendi e manutenzione del tetto) che alla Scuola Media (prevenzione degli incendi, impianto di riscaldamento e rimozione della copertura in amianto).
Negli altri plessi scolastici siamo intervenuti per riparazioni alle tubazioni, alle caldaie e alle coperture dei tetti.
Ci impegniamo a continuare gli interventi sugli impianti termici e ad ottimizzare l’efficientamento energetico.
Per la manutenzione la priorità temporale è stata data al plesso scolastico di via Monza, proseguito con quella di via Repubblica ed in seguito si procederà con le altre.

Privatizzazione della gestione cimiteriale, altro argomento di forte dibattito. Pensate che il progetto presentato sia adeguato alle esigenze cittadine? Vi impegnerete a portarlo avanti oppure cercherete soluzioni alternative? E, nel caso, quali potrebbero essere queste soluzioni alternative?

La formula del project-financing è diventata una prassi per quasi tutte le amministrazioni, laddove non ci siano altre risorse disponibili.
Abbiamo indetto un bando pubblico fissando dei parametri, chi lo ha vinto corrispondeva a tali parametri.
Non trovo una ragione valida quindi per dover esporre il Comune a un contenzioso con un operatore -che perderemmo, date tali caratteristiche- ed anzi riaffermo la validità dell’operazione e quando partirà la gestione e si realizzerà l’ampliamento ne riparleremo.

Recentemente è sorto un comitato per la salvaguardia delle ville storiche di Senago, con particolare riferimento alla Villa Borromeo e alla Villa Sioli. Sulla prima, che è privata e attualmente all’asta, avanzerete delle richieste all’eventuale nuova proprietà? Mentre sulla seconda, che è di proprietà pubblica, quali progetti avete?

Per quanto riguarda il nostro splendido gioiello di Villa Sioli continueremo il progetto di partnariato, ovvero collaborazione, tra pubblico e privato, sia per riqualificarla architettonicamente, che per renderla più funzionale, e trasferirvi la sede del Municipio.
Per Villa Borromeo ci auguriamo che l’asta la consegni a dei nuovi proprietari in grado di valorizzarla, con cui poter aprire un dialogo.

Quali sono i tre personaggi famosi o le tre persone che hanno segnato maggiormente la vostra vita?

Gigi Riva, per la gioia che ha regalato a tanti, primo tra tutto mio padre
Enrico Berlinguer per la determinata responsabilità con cui viveva la politica
Emma Bonino per la passione laica e indomabile con la quale si batte.

Quale valore per voi è il più importante?

Dieci anni di crisi mondiale hanno segnato il nostro mondo con un enorme disagio socio-economico. Il valore imprescindibile è la volontà di non lasciare indietro nessuno.

Per finire la vostra “Carta Bianca”, uno spazio per dire ciò che volete agli elettori. Prego.

Ho riflettuto molto, insieme a chi mi sta più vicino, sulla mia ricandidatura. Mi hanno convinto a farlo tre argomentazioni importanti, che voglio condividere con voi. La prima. Sono sempre stato impegnato nel sociale e nella politica: Non sono mai riuscito a stare lontano dall’impegno verso gli altri e soprattutto dai più deboli e dai loro problemi. Mi sono chiesto spesso se questo era sufficiente a spiegare tante ore di lavoro e di fatica mentale e si, credo ne valga sempre la pena, se questo è sufficiente a risolvere i problemi di qualcuno. La seconda. Oggi più che mai, c’è bisogno di concretezza ed esperienza. Amministrare significa conoscere i problemi, saperli affrontare e risolvere, senza demagogia o populismi. Lo sapete bene, perché lo riscontrate ogni giorno, i risultati si ottengono lavorando sodo, con coraggio e impegno, in silenzio, senza curarsi della pubblicità. La terza. La società in questi anni è cambiata. L’avvento del web e dei Social hanno mutato la nostra percezione della realtà. Purtroppo, colpa anche della cattiva politica e della crisi economica, intorno agli amministratori locali c’è poca fiducia e la voglia di cambiamento è più un’esigenza dello spirito che una vera necessità. Chiedo di fermarsi a riflettere, di guardarsi dalla faciloneria e dal pressapochismo. Intorno a me vedo tanti capaci solo di parlare, ma spesso non sanno quello che dicono e con le chiacchiere si va poco lontano. Badate ai fatti, alla sostanza delle cose. In questi cinque anni di amministrazione non abbiamo fatto nessun taglio dei servizi! Questo è stato il nostro primo obiettivo, ottenuto sviluppando la rete di welfare locale e prendendo atto – noi per primi – che piuttosto che togliere servizi anche ad uno solo dei nostri Concittadini più in necessità avremmo rinunciato ad asfaltare qualche strada. Ciononostante, siamo intervenuti sulla manutenzione stradale e sugli immobili pubblici; certo, non come avremmo voluto, ma comunque con opere importanti: il rifacimento di asfalti su buona parte delle principali arterie di Senago, il rifacimento dei marciapiedi di alcune vie, la riqualificazione delle Scuole di Via Monza e di Via Repubblica e la manutenzione straordinaria del Vecchio Mulino. Recuperati i tre anni d’immobilismo che l’Amministrazione di Centrodestra aveva prodotto, ora la nostra Città può guardare al futuro con certezze molto più solide e un ottimismo che prima non aveva. Per queste tre argomentazioni, unite a quanto realizzato in questi anni (cito soltanto la casa della salute, il nuovo ufficio postale di Castelletto, la casa dell’ acqua e il project financing del cimitero che, una volta ultimato, sarà accolto con favore da tutti), chiedo di darmi ancora la Vs. fiducia per i prossimi cinque anni, dandomi modo di finire quanto cominciato: insieme potremo fare molto per Senago, come attuare il progetto, oggi in itinere, per la riqualificazione architettonica e funzionale di Villa Sioli, con il suo completo restauro e il trasferimento del Municipio: con le aree acquisite da questa amministrazione, riqualificare il centro sportivo nelle sue strutture e funzioni; la Cava di Castelletto e le aree già riportate a piano di campagna della Cava a confine con Bollate, a seguito della nostra richiesta di stralcio dal futuro Piano Cave; verificare le procedure di assunzione di circa 80 persone, come previsto dalla Convenzione da noi stipulata con l’operatore che gestirà la Residenza Sanitaria Assistenziale, rivolta in via prioritaria ai Cittadini senaghesi con i requisiti richiesti. Grazie Lucio Fois Sindaco per Senago, una Città per tutti, una Città di tutti!

Annunci


Categorie:Interviste

Tag:, , ,

1 reply

Trackbacks

  1. Dodici Domande a: i candidati sindaco a Senago – Iperattivo Categorico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: