“Alienazione tecnologica” e paura della solitudine


Reduce da una parte di vacanza fatta da solo, mi sono venute in mente un paio di cose. La prima è questo articolo de Il Post, traduzione di un pezzo del Washington Post, in cui si afferma che dovremmo fare molte più cose da soli. Spesso, si dice, non usciamo per conto nostro perché “Siamo convinti che non ci divertiremmo perché siamo preoccupati di quello che penseranno gli altri a vederci da soli. Finisce che rimaniamo a casa invece di uscire perché abbiamo paura che gli altri penseranno che siamo degli sfigati”. Reduce da sei giorni al mare da solo in cui sono andato in spiaggia da solo, sono usciti a pranzo e a cena da solo, ho gironzolato da solo, ho visitato una mostra da solo, posso dire che si, spesso per paura del giudizio altrui ci vietiamo molte esperienze che potrebbero renderci più piacevole una giornata.

A volte mi viene da pensare che oltre al giudizio degli altri, si abbia anche proprio paura dello stare da soli. Essere autosufficienti, bastare a se stessi, saper vivere anche per conto proprio senza nessuno. Trovare un equilibrio per cui fare qualsiasi cosa da solo non è più segno di debolezza, di potenziale scherno, di abbandono, di alienazione. E proprio l’alienazione mi pare il passo successivo nell’escalation di paure che nascono dalla prospettiva di fare cose da soli: temere che questo comportamento ci porti a chiuderci verso gli altri. Un po’ come se fossimo un ragazzino che si immerge totalmente nel nuovo videogame senza ascoltare più nulla e nessuno attorno. O come quelle persone che incrociamo per strada o sui mezzi pubblici, immerse totalmente nei loro smartphone da non accorgersi quasi di ciò che gli accade attorno. Automaticamente cataloghiamo questi comportamenti come negativi, deleteri, da sfigati. Come se ne avessimo paura.

Allora mi viene anche da pensare: non è che la nostra avversione per l’alienazione provocata dalla tecnologia sia solo un riflesso della nostra paura della solitudine? Pensate alla famosa fotografia di quel gruppo di ragazzini seduti davanti a un bellissimo dipinto in un museo, tutti ricurvi ognuno sul proprio smartphone. Ricordate quante polemiche suscitò? Automaticamente ci venne da pensare che quei ragazzini si stavano isolando, si stavano alienando dagli altri e dalla bellezza del luogo, ci venne da pensare alla solitudine di quei ragazzini che facevano ognuno una cosa per conto proprio. Pensavamo questo, salvo poi scoprire che il museo forniva una app con funzioni di guida, e che quindi era plausibile che quei ragazzini stessero seguendo la guida interattiva per capire quello che stavano guardando, per comprendere meglio le opere d’arte appese ai muri. Magari lo stavano facendo da soli, ma senza alienarsi dal contesto in cui erano immersi. Senza paura di prendersi cinque minuti da soli per informarsi meglio.

Insomma, fare cose da soli o alienarsi mentre si usa un device elettronico (ma anche se si sta leggendo un libro, ad esempio) non è né brutto né pericoloso. Non mettiamo a rischio la nostra società se tendiamo a fare cose da soli, se ogni tanto ci distacchiamo dagli altri, anzi, questo potrebbe addirittura aiutarci per vivere meglio con gli altri, per costruire e mantenere una propria dimensione privata necessaria a equilibrare la dimensione pubblica che condividiamo con gli altri. Ovviamente esagerazioni a parte, ma questa è una regola che vale per qualsiasi cosa: come recita infatti un vecchio proverbio, “il troppo stroppia”. Quindi, che fare? È meglio iniziare a non dare peso ai giudizi sprezzanti di chi ci prende in giro quando ci facciamo assorbire completamente da una qualsiasi attività che facciamo da soli, probabilmente in quel momento non siamo noi quelli deboli, sono quelli che ci criticano ad esserlo.

Annunci


Categorie:Riflessioni

Tag:, , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: