Il pendolare


[È un delirio scritto nel 2010. Li ritiro fuori oggi, così, per provare a sdrammatizzare un po’]

Faccio il pendolare col treno.

Si ormai ci sono quelli che fanno i pendolari con gli aerei coi loro servizi ubermegafichi, sono rari eh ma ci sono, la maggior parte invece si sposta ancora in auto, ma io resto affezionato al caro vecchio treno: ti puoi godere i paesaggi mentre stai viaggiando, i colori, le caratteristiche delle zone dove stai passando. Mica come in aereo, ad osservare da grandi altezze, dove sembra che il tuo oblò sia soltanto un’estensione di Google Maps. E invece col treno, guardo, osservo, viaggio fra Milano e Roma godendomi i panorami appenninici comodamente seduto sul treni iperveloce… Va beh, ammetto sia un po’ difficile osservare il panorama a 300 Km/h, e se qualcuno ci riesce, forse sarà ora per me di cambiare gli occhiali.

Ma io il treno non lo abbandono, no no. Ci hanno provato in azienda, a dirottarmi sugli aerei! Ma io niente, capa tosta. Mi hanno allettato in ogni modo, ma il sapore di quelle partenze sferraglianti dalle stazioni, col fumo che esce dalla locomotiva e il suggestivo saluto delle persone sulla banchina… Ok mi sono lasciato prendere la mano.
Diciamo più che altro che mi trovo comodo, col treno: deliziosi compagni di viaggio che urlano e sbraitano al cellulare; aulici vicini che si rilassano togliendosi le scarpe, lasciando sublimare nell’aria un discreto odore di Emmental; socievoli famigliole dedite a pranzi mastodontici e olezzanti di fritto come in una sagra di paese. Insomma, come potersi lamentare di un contesto simile? Un esotismo tutto metropolitano.

Dicevo, del mio amato treno: veloce, confortevole, preciso. Oddio si, preciso mica tanto, ma insomma, cosa volete che siano quei 5/10 minuti fisiologici di ritardo ogni volta? Io ormai ho imparato, dall’orario di arrivo del treno non programmo mai nulla per le seguenti 2 ore. Sono previdente. Una volta, era un sabato, questa mia tattica si è andata a sovrapporre agli impegni di un mio cliente, che da bravo cattolico doveva andare alla Messa prefestiva. Andai con lui, gli spiegai tutto durante l’omelia del prete, e riuscimmo a firmare un contratto della Madonna. Con la maiuscola, rendiamo merito al merito.

Insomma a me piace il treno. Lo vivo, o forse sarebbe meglio dire che ormai lui vive me: mi consuma, mi segna. Soprattutto nei vestiti: l’ultimo vicino ha accidentalmente fatto cadere una cucchiaiata di peperonata sulla mia giaccia scura. E passi per la macchia, che sullo scuro son riuscito a nascondere, ma la puzza… Al cliente che incontrai dopo dovetti dire che ero appena stato da un coltivatore per un importante affare. Anche se mi ero appena fatto 4 ore di treno, e lui lo sapeva. Da ex viaggiatore su treno capì benissimo il dramma, senza proferir parola.

Il treno, il mio inseparabile compagno di viaggio. Così bello, funzionale, economico. Si, economico… Una volta forse. Ma tanti chissenefrega, paga l’azienda! Coi prezzi che ci sono ormai quasi converrebbe andarci in auto. Ma è scomoda, devi guidare, stare attento ai pericoli della strada, sul treno invece ti rilassi, fra un puzzolente vicino e un dirimpettaio di posto che si scaccola al finestrino inebetito dal paesaggio tratteggiato dalla velocità. Insomma, è pur sempre un’esperienza, come farsela mancare? Non ci si potrebbe definire dei veri uomini. Specialmente se si riesce a sopravvivere quando l’aria condizionata salta, e tu ti ritrovi in un lungo salamone di acciaio e vetro chiuso in maniera ermetica: in quel momento penserai che quella stracazzo di invenzione di merda della tuta di plastica per dimagrire sia quasi una cosa divertente, al confronto.

Eh già, il treno, il mio amico treno.
Passatemi le chiavi della macchina vàh.

Annunci


Categorie:Delirio

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: