Elezioni nuove, risultati vecchi


A dicembre 2015 le elezioni spagnole mostrarono un Paese tripolare, quasi quadripolare. Il primo partito fu il PP di Mariano Rajoy che raccolse il 28,72% di voti, a seguire ci fu il PSOE di Pedro Sanchez con il 22,01% dei voti, poi Podemos di Pablo Iglesias con il 20,66% dei voti e infine Ciudadanos di Albert Rivera che raccolse il 13,93%. I tentativi di formare un governo furono vari: ci provò il PP a fare un governo di centrodestra con Ciudadanos ma non raggiungevano la maggioranza necessaria di 176 seggi, ci provarono anche Podemos e il PSOE coinvolgendo tutti i piccoli partiti indipendentisti di sinistra, ma l’accordo era complesso e difficile e infatti non se ne fece nulla. C’era anche l’opzione larghe intese fra PP e PSOE, ma sebbene il PP fosse disponibile l’offerta fu respinta dal PSOE. A inizio maggio scadeva il limite di tempo per formare un nuovo governo, e non riuscendo a formarne uno si è arrivati all’odierna nuova tornata elettorale.


Oggi i risultati sostanzialmente invariati rispetto a sei mesi fa. Il PP prende il 33,03%, il PSOE il 22,66%, Podemos il 21,1%, Ciudadanos il 13,05%. Contando il numero di seggi il PP ne ottiene 137, +14 rispetto al 2015; il PSOE ne ottiene 85, -5 rispetto al 2015; Podemos ne ottiene 71, +2 rispetto al 2015; Ciudadanos ne ottiene invece 32, segnando un -8 rispetto al 2015. Con questi risultati il conto è presto fatto: nessuna forza politica ha la possibilità di formare un proprio governo. Resta in campo l’opzione delle larghe intese fra PP e PSOE, come anche nel 2015, resta da capire se sarà percorribile. A dicembre i socialisti rifiutarono questo scenario perché consci del fatto che per loro sarebbe stato un grandissimo azzardo: se le cose non fossero andate bene avrebbero rischiato di vedere il loro elettorato andarsene verso Podemos. Lo stesso rischio che si presenta anche oggi: Pedro Sanchez rifiuterà ancora una volta questa prospettiva portando il Paese verso un terzo giro elettorale?

A dirimere la questione, stavolta, potrebbe essere il Re. Che non ha poteri specifici ma più in “potere di arbitraggio”, che però non ha mai dovuto esercitare perché le elezioni hanno sempre consegnato un vincitore chiaro. Ora, per la seconda volta consecutiva in sei mesi, nessuno ha la maggioranza per varare un governo. Sarà allora il Re Felipe VI a esercitare quella “persuasione morale” necessaria affinché si giunga a un qualche accordo fra PP e PSOE? Come riuscirà a convincere Sanchez? Come potrebbe reagire l’elettorato di fronte alla prospettiva delle larghe intese? Sicuramente sarebbero gradite all’Unione Europea, che sopra ogni cosa chiede sempre ci sia stabilità politica in ogni Paese membro. Questa prospettiva la garantirebbe di sicuro, probabilmente a danno sia dei popolari che dei socialisti.

Se nessun tentativo andrà in porto di prospetteranno ennesime nuove elezioni. Ma a quel punto sarà l’astensione a poter essere determinante: nel dicembre 2015 votarono il 73,2% degli aventi diritto, ieri ha votato il 69,84% degli aventi diritto, segnando in sei mesi un calo dell’affluenza del 3,4%. Anche per questo non vedo nessun reale vincitore in queste elezioni, nemmeno Rajoy, sebbene sia riuscito a incrementare leggermente il consenso verso il PP. Sicuramente la delusione maggiore è per Podemos, che sognava di diventare la seconda forza nazionale scalzando i socialisti: obiettivo fallito, e lo stesso Iglesias parla di risultato non soddisfacente. In campagna elettorale tutti e quattro i leader si sono detto decisi ad evitare un eventuale terzo turno elettorale, ma lo dicevano forti del fatto che ognuno di loro sperava di ottenere la maggioranza assoluta. Nessuno pensava a nuove grandi coalizioni di sinistra molto allargate o a governi di larghe intese, e invece le prospettive sono di nuovo quelle.

Annunci


Categorie:Politica

Tag:, , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: