Le tante aspettative sulla Tesla Model 3

I modelli commercializzati dalla Tesla

I modelli commercializzati dalla Tesla

Qualcuno ha già iniziato a parlare di ora della rivoluzione. Qualcuno ha già iniziato a parlare dell’inizio di una nuova era, a parlare di rivoluzione che travolgerà i costruttori di automobili. Si, forse qualcuno rischierà di farsi trovare impreparato ma sostanzialmente questa mi sembra una rivoluzione ancora col freno a mano tirato, e lo dico partendo da una semplice considerazione: di auto elettriche se ne producono in modo industriale dai primi anni novanta, e se ne parla da ancora prima. Certamente la tecnologia oggi rende quei primi modelli come lontanissimi parenti con cui poco è rimasto in comune, ma la stessa cosa vale comparando un’auto odierna con una dello stesso periodo.

La Tesla Model 3 si intesta questa battaglia, quella di rivoluzionare il mercato. I media propagandano le intenzioni del fondatore della Tesla, Elon Musk, di porre questa vettura come il mezzo per portare la Tesla Motors nel cosiddetto mass market, ovvero quel segmento delle auto di massa, per tutti. I dati tecnici ci sarebbero tutti: una berlina media, spaziosa, con un’autonomia di circa 345 chilometri. Sull’autonomia i passi avanti delle elettriche di Musk sono notevoli, basti pensare che altre vetture elettriche in commercio sono accreditate di percorrenze che non superano i 200 chilometri. Il problema, per entrare nel mass market, è il prezzo: la Model 3 sarà venduta negli Stati Uniti a un prezzo che dovrebbe aggirarsi sui 35.000 dollari. Musk ha detto che questo modello potrà avere anche un sistema di guida automatica, ma probabilmente come per la più costosa Model S sarà un optional a pagamento (sulla S costa circa 2.500 dollari). Sul prezzo qualcuno ha già tracciato equazioni un po’ improbabili, traslandolo automaticamente da 35.000 dollari a 35.000 euro. Pure su questo andrei cauto, dato che in questo caso probabilmente il prezzo subirà degli aumenti anche solo per coprire i costi di trasporto e per rispondere alle varie tassazioni di ogni singolo Stato.

Molti indicano le tante prenotazioni (quasi 280.000) come segnale di questo inizio di rivoluzione. Il problema è che sono prenotazioni di persone che possono permettersi di spendere subito 1.000 euro per una vettura che vedranno forse fra un anno e mezzo, più probabilmente fra il 2018 e il 2019. La fetta di mercato di massa è composta da persone che cercano auto spaziose, comode, versatili, con bassi costi di gestione, al minor prezzo possibile ex senza dover attendere anni per averla: può rispondere a questi requisiti una vettura che ha tempi di consegna lunghissimi e un prezzo da auto media di lusso? In questo lungo elogio alla nuova rivoluzione si accosta questo momento al lancio della Ford T, ma quella vettura fu davvero un modello da (diciamo) mass market, perché era tutto ridotto all’osso per permettere di venderla a un prezzo realmente accessibile a chiunque ed era industrializzata in modo da produrla immediatamente in modo da ridurre drasticamente le attese.

35.000 dollari o 35.000 euro non sono un prezzo propriamente accessibile a tutti. Lo si può capire osservando i dati di vendita delle nuove autovetture. I primi dieci modelli più venduti sono auto che si trovano tranquillamente a prezzi dai ai 20.000 euro in giù, alcuni anche sotto i 10.000. Eccolo, il mass market oggi è quello lì. Su Quattroruote ci sono alcune stime sui prezzi: ai 35.000 dollari andranno tolti gli inventivi statali (circa 7.500 dollari federali più altri 2.500 circa decisi da ogni singolo Stato), rendendo il prezzo più competitivo, anche se Musk parla di un prezzo medio delle vetture prenotate di 42.000 dollari e non di 35.000. In Italia il prezzo medio dovrebbe invece aggirarsi sui 40-45.000 euro, come abbiamo visto non proprio prezzi da mass market.

Musk punta a vendere 500.000 Tesla l’anno entro il 2020. Ma dal 2008 a oggi la Tesla ha venduto in totale circa 200.000 vetture. Come dice bene questo articolo di Mashable la Model 3 dovrà invertire l’andamento di un’azienda da sempre leader nella ricerca e nella sperimentazione, ma che non riesce a produrre utile. L’entrare nel mass market serve a Tesla proprio per questo motivo, per costruirsi finalmente quella solidità finanziaria necessaria a stare in piedi da sola. Se ciò non dovesse avvenire per Tesla resterebbero solo due possibilità: chiudere o trovarsi un partner industriale con cui ammortizzare i costi di produzione. E su questo campo già alcune voci si sono rincorse, con contatti con diverse Case automobilistiche interessate alle auto elettriche. Case, è bene sfatare questo mito, che già possiedono in buona sostanza la tecnologia per produrre auto elettriche: molte non lo fanno per questioni di ritorno economico quasi nullo dovuto agli alti costi di produzione e agli alti prezzi di vendita al pubblico. Stabilire alleanze potrà essere un modo per unire le forze e abbassare costi e prezzi di vendita.

La Model 3 potrà essere uno dei punti di avvicinamento alle auto elettriche di massa, ma non sarà lei a decretare il punto di svolta. Già oggi abbiamo in vendita auto elettriche con prezzi simili anche se con autonomie leggermente inferiori, tipo la BMW i3, eppure non c’è tutta questa rincorsa a comprarle, e molte di quelle BMW vengono vendute in versione Erev, non puramente elettriche. La vera scommessa del futuro però non sarà tanto cambiate il sistema di propulsione delle macchine, perché di sistemi alternativi già ne esistono, sono solo frenati dagli alti costi di produzione. Abbiamo già creato anche macchine che vanno a idrogeno, ma il loro costo le pone sulla fascia delle auto di super lusso, non certo nella fascia delle auto di massa. La vera scommessa, dicevo, sarà proprio rivoluzionare il concetto di automobili compresa la proprietà dello stesso mezzo. La vera rivoluzione saranno auto completamente autonome in condivisione con altre persone, auto sempre disponibili quando se ne ha bisogno ma senza i costi connessi alla proprietà del mezzo. Ma anche questa è una rivoluzione di cui si vedono soltanto i primi timidi germogli.

Annunci


Categorie:Motori

Tag:, , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: