Eurosummit: non più una trattativa, ma puro bullismo

 

Dopo il referendum greco pareva ci potesse essere spazio per trovare un accordo sulla loro crisi. L’Europa si diceva decisa a non abbandonare la Grecia, chiunque affermava come impensabile pensare a una loro uscita dall’Euro, persino Stati Uniti, Russia e Cina insistevano sulla necessità di trovare un accordo per aiutare il popolo greco evitando il default. Oggi va registrato che per alcuni queste erano solo vuote parole di circostanza.

Tsipras, forte anche dell’ampia vittoria al referendum che gli dava maggior potere politico, era disposto a trattare. A fronte di un piano di austerity simile a quello presentato dall’Eurogruppo e dopo aver “scaricato” il proprio ministro economico Varoufakis, la Grecia chiedeva di poter discutere di un prestito ponte per un piano triennale (e non biennale) e di una ristrutturazione del debito. Ristrutturazione ammessa come necessaria anche dal Fondo Monetario Internazionale. Un piano su cui si poteva, e si doveva, trattare apertamente senza pregiudizi né preclusioni, ma che invece non ha dato il risultato sperato.

Ma Schäuble, ministro dell’economia della Germania, ha chiesto di più, molto di più. Niente ristrutturazione del debito, prestito da ridiscutere al ribasso e tagli e nuove tasse da approvare nel giro di 24/48 ore. Ha chiesto tutto e subito, addirittura facendo circolare la notizia di un’uscita temporanea della Grecia dall’Euro per 5 anni. Una vera follia, con Angela Merkel che probabilmente non riesce a fermare e moderare il suo ministro. O forse non vuole, conscia del fatto che Schäuble è dato da alcuni sondaggi in grande ascesa in Germania: un modo cinico di puntellare il proprio potere in patria, quello di assecondare le spinte intransigenti di un numero sempre maggiore di tedeschi.

E così questa trattativa sta assumendo sempre più i contorni di una farsa, una corsa verso il burrone. Espellere davvero la Grecia dall’Euro sancirà la non irreversibilità di questa moneta, scatenando un effetto domino che porterà prima l’Euro a perdere peso e valore, poi porterà l’Europa tutta a perdere di credibilità, fino al rischio della totale disgregazione di questa Unione. E la colpa di questo disastro ricadrà purtroppo sulle spalle tedesche, in particolare di Schäuble e di una Merkel distante anni luce da quel Kohl che molti vedevano come suo maestro.

Ciò che la Germania e i Paesi europei che la seguono stanno imponendo alla Grecia non è più una trattativa, è bullismo. È prevaricazione, è vendetta, è quasi sadismo. Non gli basta più aver visto il sangue, ne vogliono di più e lo vogliono subito. Intanto le banche in Grecia continuano a restare chiuse, e i loro fondi sono ormai prossimi a esaurirsi. Tsipras in parlamento ha ottenuto un’ampia maggioranza per tornare a trattare, ma solo grazie ai voti del Pasok e di Nuova Democrazia, con Syriza che vede alcune decine di deputati orientati a votare no a qualsiasi nuova proposta, anche a quelle presentate dallo stesso Tsipras. Formalmente la maggioranza che regge il giverno greco rischia di non esistete più.

L’Europa sta vivendo un passaggio cruciale della sua esistenza, ma pare lo stia facendo con estrema cecità. Il Presidente tedesco Joachim Gauck in un recente discorso ha ricordato come la Germania debba esercitare il proprio ruolo di leader in ambito europeo, ma che lo deve fare senza derive guglielmine, riferendosi a quel Guglielmo II che portò la Germania e l’Europa dentro la Prima Guerra Mondiale. Historia Magistra Vitae, si dice. Più estesamente Cicerone nel De Oratore scriveva che “La storia in verità è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra di vita, messaggera dell’antichità”. Purtroppo però alcuni difettano probabilmente di comprensione e memoria.

Intanto il premier del Belgio twitta che stamani è stato raggiunto un accordo. Lo conferma anche Donald Tusk, Presidente del Consiglio Europeo, scrivendo che ora sono pronti a partire con il fondo dell’ESM per ridare liquidità alla Grecia. Un accordo siglato all’unanimità, scrive, un compromesso che vedremo quanto sarà efficace.

Annunci


Categorie:Politica

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: