Tutti insieme appassionatamente (contro Renzi)

 

Correva l’anno 1994, Berlusconi era appena sceso in campo e in politica era tutto un gran fermento. C’era chi lo derideva, chi lo temeva, e chi inconsciamente lavorava già per garantirgli un lungo e duraturo futuro di governo. Erano i fautori delle grandi alleanze contro Berlusconi, mitiche ammucchiate in cui il vero collante era rappresentato dall’antiberlusconismo e non da una visione e da idee condivise. Forse l’unica che ci provò a darsi un’orizzonte comune fu proprio L’Ulivo, anche se pure li diatribe e divisioni interne azzopparono il percorso di Romano Prodi, il loro vittorioso candidato.

Era un onesto tentativo di mettere dentro una coalizione quanti più partiti possibili, contando sul fattore massa: più grandi si era, più si poteva intercettare consenso. Il che è logico da un certo punto di vista, ma autolesionista dall’altro: come conciliare gruppi che avevano alcune posizioni diametralmente opposte? Come far coesistere il Partito Repubblicano, la Federazione dei Liberali e il Partito dei Comunisti Italiani? E come inserire in tutto questo l’Udeur? L’Unione, l’altra alleanza che vinse alle elezioni del 2006, se possibile era pure peggio. Democratici di Sinistra, (DS), La Margherita (DL), Partito della Rifondazione Comunista (PrC), Partito dei Comunisti Italiani (PdCI), Italia dei Valori (IdV), Socialisti Democratici Italiani (Sdi), Federazione dei Verdi, Udeur, Movimento Repubblicani Europei (Mre), Socialisti Uniti, La Rosa Nel Pugno (Radicali + Sdi), il Partito Socialista Democratico Italiano (Psdi), i Democratici Cristiani Uniti (Dcu), la Lista Consumatori, la Lega per L’Autonomia – Alleanza Lombarda (LAL), il Partito Democratico Meridionale (Pdm), la Liga Fronte Veneto (LFV), il Südtiroler Volkspartei (Svp).

Avete idea di cosa voglia dire governare un carrozzone simile di alleati?E il bello è che sento spesso ripetere che le vittorie di Berlusconi sono dovute a quel suo piglio da capetto, quel suo decisionismo che piace tanto agli italiani. La stessa motivazione che oggi viene usata contro Matteo Renzi. Mai una volta che ci si fermi e, con estrema onestà, si ammetta che coalizioni simili erano utili per vincere un’elezione ma completamente inutili per dare vita a un governo stabile e concreto. La cosa divertente è che ormai è pure una cosa nota, ma alla narrazione contraria è comodo usare i modi di Berlusconi (o di Renzi) come giustificazione per le proprie sconfitte.

  
Già, perché sta accadendo lo stesso verso Renzi: tutti insieme appassionatamente contro di lui. Alcuni teorizzano addirittura la necessità che chiunque si debba coalizzare contro di lui per salvare le istituzioni. Praticamente vogliono ricreare un nuovo carrozzone che consegni a Renzi quelle istituzioni che loro stessi vorrebbero sottrargli. Esattamente come accadde con Berlusconi.

Si dice che la storia dovrebbe essere maestra, ma qui temo si sia pessimi scolari. L’antiberlusconismo ha mostrato ampiamente il suo fallimento, e i frutti marci di questa impostazione li possiamo vedere ancora oggi. Cosa ci fa pensare che un nuovo agglomerato politico anti qualcuno possa avere più successo? C’è davvero qualcosa di malato, di patologico nel continuare a pensare ad una cosa simile. Ed è ciò da cui mi auguro si tenga ben alla larga Civati, anche se non penso abbia bisogno che glie lo ricordi, mi pare sufficientemente intelligente da averlo già capito da solo.

Uno scenario simile, comunque, non farebbe altro che concretizzare le paure di chi contrasta Renzi. Datebbe come entrare in un loop: timore di un leader politico -> costituzione di una coalizione contro -> perpetrazione del potere del leader. Un riavvolgere il nastro a 21 anni fa. Ma è così difficile provare a dar vita a qualcosa di nuovo, qualcosa che si tenga insieme sulla base di una progettualità e di una visione comune, e non sulla base di un’insofferenza verso qualcuno? È davvero così assurdo cercare di dar vita a un soggetto politico che batta l’avversario sul campo delle idee e delle proposte, e non uno che lo demonizzi facendone un martire?

Annunci


Categorie:Politica

Tag:, , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: