Lista – parziale – delle cose che mi fanno ridere (che arrabbiarsi ormai non ne vale la pena)

Mi fanno ridere quelli sempre pronti a trovare un colpevole (e non sono mai loro);
Mi fanno ridere quelli che in politica giocano al cavaliere senza macchia;
Mi fanno ridere quelli in grado di ragionare ancora su cliché di quarant’anni fa;
Mi fanno ridere quelli del “bisogna guardare più a sinistra”;
Mi fanno ridere quelli del “bisogna guardare più al centro”;
Mi fanno ridere quelli che si limitano a ragionare per blocchi contrapposti;
Mi fanno ridere quelli che rivendicano modelli politici sorpassati;
Mi fanno ridere quelli che (pare) lavorino solo loro;
Mi fanno ridere quelli che dispensano consigli come se “fossero Gesù nel tempio” (cit.);
Mi fanno ridere quelli che rimpiangono vecchi leader;
Mi fanno ridere quelli che rimpiangono vecchie politiche;
Mi fanno ridere quelli che “poveri ultras”;
Mi fanno ridere quelle tinte biondo platinato;
Mi fanno ridere quelli che col sorriso cercano di reprimerti;
Mi fanno ridere quelli che parlano di ecologia poi buttano i mozziconi di sigaretta per terra;
Mi fanno ridere quelli che candidano impresentabili e se la cavano dicendo “Vabbeh, non votateli”;
Mi fanno ridere i vegani intransigenti;
Mi fanno ridere quelli che “rimpiango Mussolini ma mica sono fascista”;
Mi fanno ridere quelli che oggi sia vantano (ancora) di esser fascisti;
Mi fanno ridere quelli che ancora aspettano “il sol dell’avvenir” (cit.);
Mi fanno ridere quelli in grado di fare una vita da malati per morire da sani;
Mi fanno ridere quelli che hanno sempre una soluzione migliore, per tutto;
Mi fanno ridere quelli del “se me lo dicevi prima!”;
Mi fanno ridere quelli che continuano a dividere il mondo in buoni e cattivi;
Mi fanno ridere quelli che “in Italia è tutto peggiore”;
Mi fanno ridere quelli capaci di commettere cazzate in grado di coprire ciò che di buono fanno;
Mi fanno ridere quelli capaci a parlare solo delle cazzate commesse da chi ha argomenti importanti;
Mi fanno ridere quelli che si stupiscono dell’importanza dei soldi;
Mi fanno ridere quelli che “l’idea è buona ma se la propongono loro allora non si può accettare”;
Mi fanno ridere i talk show politici;
Mi fanno ridere i reality show di cucina;
Mi fanno ridere le filosofie messianiche;
Mi fanno ridere quelli che si lamentano della TV ma continuano a guardarla;
Mi fanno ridere quelli alternativi a tutti i costi;
Mi fanno ridere quelli che “se lo dice Berlusconi è certamente sbagliato”;
Mi fanno ridere quelli che “se lo dice Grillo è certamente una balla”;
Mi fanno ridere quelli che “se lo dice Renzi è certamente una furbata”;
Mi fanno ridere quelli che “se lo dice Salvini è certamente razzista”;
Mi fanno ridere quelli che vogliono “cambiare verso” riciclando chiunque si converta;
Mi fanno ridere quelli che vedono “praterie politiche” che poi non smuovono più del 5%;
Mi fanno ridere le donne col cagnetto nella borsetta;
Mi fanno ridere gli eterni Peter Pan;
Mi fanno ridere quelli che si prendono solo sul serio;
Mi fanno ridere quelli che “è da trent’anni che faccio questo lavoro”;
Mi fanno ridere quelli che “ogni colpa è degli americani”;
Mi fanno ridere quelli che “ogni colpa è dei russi”;
Mi fanno ridere quelli che l’Europa non ha mai nessun merito;
Mi fanno ridere quelli che parlano di voto utile;
Mi fanno ridere le battaglie fra fanatici Apple e Linux;
Mi fanno ridere le battaglie fra fanatici Apple e Android;
Mi fanno ridere i succubi del fanatismo;
Mi fanno ridere quelli che sanno sempre e comunque dove schierarsi;
Mi fanno ridere quelli che non hanno mai un dubbio;
Mi fanno ridere quelli che in una critica vedono sempre una cospirazione;
Mi fanno ridere quelli che s’incazzano se parli di loro;
Mi fanno ridere quelli che cercano forzatamente di far sempre ridere;
Mi fanno ridere quelli che non sanno ammettere nemmeno un proprio limite;
Mi fanno ridere quelli che utilizzano la coerenza a corrente alternata;
Mi fanno ridere i complottisti;
Mi fanno ridere quelli della decrescita felice;
Mi fanno ridere quelli della crescita costante e continua;
Mi fanno ridere quelli entusiasti per qualsiasi cosa;
Mi fanno ridere quelle che si atteggiano a vamp;
Mi fanno ridere gli uomini col riporto;
Mi fanno ridere gli uomini col borsello;
Mi fanno ridere gli uomini col marsupio;
Mi fanno ridere quelli che mostrano una doppia faccia;
Mi fanno ridere quelli che ti parlano alle spalle;
Mi fanno ridere quelli che vivono per mettere zizzania;
Mi fanno ridere quelli che “se ci fossi io vedresti che robe!”;
Mi fanno ridere quelli che sottilmente ti insultano e poi ti fanno sentire in colpa come se fossi stato tu a insultare loro;
Mi fanno sorridere i giratori professionisti di frittate;
Mi fanno ridere quando mi spacciano la mediocrità per talento assoluto;
Mi fanno ridere quelli che, delusi, pensano di sputtanare gli altri spifferando tutto in pubblica piazza;
Mi fanno ridere quelli che vogliono difendere la satira dopo averla criminalizzata fino al giorno prima;
Mi fanno ridere quelli che cercano ostinatamente di piacere a tutti;
Mi fanno ridere quelli che si scrivono elenchi di buoni propositi che, tanto, non rispetteranno mai;
Mi fanno ridere quelli ossessionati da qualcosa;
Mi fanno ridere quelli intossicati dalla carriera;
Mi fanno ridere quelli che pretendono di vivere oltre le proprie possibilità;
Mi fanno ridere le guardie giurate che si credono Marion “Cobra” Cobretti;
Mi fanno ridere quelli che sanno sempre cosa è meglio per te;
Mi fanno ridere quelli che “se fossi in te avrei sfruttato meglio l’occasione”;
Mi fanno ridere i leggings a fiori;
Mi fanno ridere le camicie hawaiane;
Me fanno ridere quelli che ti fissano insistentemente, che pare vogliano dirti qualcosa e poi non ti parlano mai;
Mi fanno ridere quelli che nel sacchetto col pranzo si portano dei cachi, e che dopo esser stati in una metropolitana pigiati come sardine si lamentano che quei cachi si sono schiacciati;
Mi fanno ridere quelli che per proteggere la libertà, la diminuiscono;
Mi fanno ridere quelli che riescono a fare polemica su tutto;
Mi fanno ridere quelli capaci di sfruttarti col sorriso, facendoti pure sentire in debito;
Mi fanno ridere quelli che si trovano nella scomoda situazione di dover sempre dire si, altrimenti poi gli altri si incazzano;
Mi fanno ridere quelli che vanno a caccia di fantasmi;
Mi fanno ridere quelli che si lamentano che ciò che hanno non è abbastanza, ma guai a mollare una loro proprietà;
Mi fanno ridere gli intolleranti;
Mi fanno ridere i modi garbati ed eleganti di quei gran signori che vogliono soltanto mettertelo in culo;
Mi fanno ridere le migliaia di esperti cinofili, tutti pronti a dirti come devi trattare il tuo cane;
Mi fanno ridere quelli che ti avvisano all’ultimo secondo di qualcosa e s’incazzano se tu (strano eh!) hai già altro da fare;
Mi fanno ridere quelli che usano male e a caso le parole;
Mi fanno ridere quelli coi risvoltini;
Mi fanno ridere quelli che si dicono tolleranti, “però quei Rom di merda eh…”;
Mi fanno ridere i sognatori che si limitano a guardarli, i sogni;
Mi fanno ridere gli incoerenti, quelli che dicono tutto e il contrario di tutto;

E a dirla tutta, alla fine, spesso mi faccio ridere pure da solo.

Annunci


Categorie:Riflessioni

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: