Il ritorno delle paludi

Il passato fine settimana è stato caratterizzato dalle piogge: nulla di eccezionalmente intenso, le quantità non sono state così grandi da creare problemi di grandi esondazioni ma sono bastate per mostrare, ancora una volta, come i terreni delle zone a nord di Milano abbiano seri problemi ad assorbire l’acqua. Cosa che mi fa abbastanza ridere, pensando che si vuole risolvere i problemi di esondazione del Seveso impermeabilizzando ampie aree di terra.

Comunque sia, giusto per informazione, domenica pomeriggio (in un momento in cui non pioveva) ho fatto un giro in alcune zone. La prima è lungo la Via per Cesate, dopo il campo da baseball di Senago. Rogge stracolme anche con piogge normali, terreni invasi dall’acqua:

IMG_2052
IMG_2051
IMG_2049
IMG_2050
IMG_2046
IMG_2047
IMG_2048

Proseguendo, le prossime riguardano la via Pioppi a Garbagnate Milanese, e la piccola via della Brughiera. Anche qui terreni invasi dall’acqua, addirittura la strada risulta pesantemente allagata:

IMG_2057
IMG_2061
IMG_2058
IMG_2062
IMG_2067
IMG_2069
IMG_2074
IMG_2072
IMG_2073
IMG_2070-0

Infine l’ultima foto riguarda un pezzo di terreno lungo la Strada Provinciale 119, all’altezza della strada sterrata Cesare Beccaria. Una zona in cui si è formato una specie di laghetto permanente:

IMG_2079

Da segnalare che le ultime due zone, quella Garbagnate e quella lungo la Provinciale 119, presentano zone paludose che restano tali anche dopo settimane senza piogge.

Ma di tante altre zone si potevano portare fotografie: terreni di Castellazzo, terreni lungo la Strada Provinciale 223, la parte di bosco attorno all’ospedale di Garbagnate. Mentre facevo le foto camminavo su quei terreni: su quelli non allagati, anche se apparentemente in buone condizioni, si vedeva sgorgare acqua appena venivano calpestati. Terreno argillosi, mollicci, fradici.

Ci ritroviamo con le falde acquifere in risalita, con rogge e torrenti che non hanno mai manutenzione e con terreni che recepiscono sempre meno acqua. E pensiamo a creare giganti aree di laminazione per controllare le ondate di piena dei fiumi. Ma a cosa serviranno se si rischia di ritrovare terreni sempre più acquitrinosi? Dov’è una vera pianificazione d’insieme? Quando ci si preoccuperà e ci si occuperà di questi problemi?

Annunci


Categorie:Attualità, Senago

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: