Nuovi dolori per il giovane Renzi

IMG_1074.JPG

Domenica stavo seguendo l’intervista di Matteo Renzi a In Mezz’ora dall’Annunziata, e mi è venuto naturale pormi alcune domande. Anzi, principalmente una: che fine sta facendo Matteo Renzi?

Voglio dire, anche se non sono un esperto di comunicazione mi pare che ultimamente Renzi stia perdendo smalto e brillantezza, incappando ad esempio in pessime figure tipo giocare col cellulare durante la conferenza stampa con Al-Sisi. Oppure apparendo impreparato durante le interviste, cosa davvero incredibile per uno abituato a saper sempre cosa rispondere, come ad esempio in quella citata all’inizio o in quella pubblicata sempre domenica su Repubblica.

È come se la forza comunicativa di Renzi si stesse sfilacciando, come se stesse diventando evanescente e grossolana. Per dirla con un termine attuale, è come se d’improvviso fosse venuto meno quello storytelling che lo ha sempre posto almeno un passo avanti rispetto a chiunque. E questo credo si stia riverberando negativamente sia sull’azione di governo che sulla gestione del Partito Democratico, in cui si moltiplicano le uscite più o meno “incongrue” da parte di alcuni importanti esponenti, diciamo, renziani. Tipo Miss Ladylike Moretti.

Ora, d’accordo che molti del Pd non hanno mai brillato nel campo della comunicazione, ma anche qui ultimamente gli inciampi si fanno sempre più grossi e pesanti. Proprio come la citata Moretti che rincara la dose sulle precedenti disgraziate dichiarazioni. Una che sulla sua candidatura in Veneto dice “…Dove vuole Matteo Renzi, io vado. È il capo, no? Io ho solo risposto: ‘Ok, arrivo’…”. Come creare nuovi giganteschi danni con pochissime parole.

E a conferma del momento poco brillante di Renzi c’è anche la condizione del sito “Passo dopo passo”, lo strumento che avrebbe dovuto raccontare i mitici mille giorni del Governo Renzi nel cammino verso l’attuazione delle riforme necessarie per cambiare l’Italia. Uno spazio che pare abbandonato, con news aggiornate a settembre e pochissimi video. Addirittura nell’articolo del Fatto Quotidiano si legge che sul sito, per quanto riguarda il bonus bebè, si dice che il tetto massimo per poterne beneficiare sarebbe 90.000 euro, mentre in realtà è stato ribassato la scorsa settimana a 25.000 euro. Nessuno però ha aggiornato il sito.

Forse sarà solo un momento di appannamento. O forse potrebbe essere qualcosa di più grave. Mi lascia perplesso però come si sia potuti passare da una macchina organizzativa che ha proiettato Renzi e il Pd a traguardi raramente raggiunti, a una macchina che pare tristemente ingolfata. Si continua a parlare di elezioni anticipate nel 2015, ma in queste condizioni Renzi e il Pd rischiano di rimanere ben lontani dai risultati ottenuti alle Europee di maggio. Si dovrebbe riprendere a correre, ammesso che sia rimasto ancora il fiato per farlo.

Annunci


Categorie:Politica

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: