Nuova accelerazione per le vasche di laminazione a Senago

IMG_0356.JPG

Era da un po’ che non scrivevo delle vasche di laminazione del Seveso, e dati gli ultimi eventi e le ultime evoluzioni ritengo sia necessario fare un punto della situazione.

La prima notizia è di inizio agosto e riguarda l’ispezione nel tratto tombinato che passa sotto Milano. Ciò che hanno scoperto i tecnici di Metropolitane Milanesi è stato un tubo con ridotta capacità a causa dell’enorme quantità di terra, tronchi, sassi che ne ostruiscono la portata. Immaginate le conseguenze di una condotta che anziché (ipotesi) portate 30 metri cubi al secondo, ne porta 15. Si può ben capire come a quel punto possa bastare pure una piccola pioggia per creare dei danni.

In quell’occasione sono stati analizzati anche i fanghi portati dalla piena: “…Dopo l’esondazione dell’8 luglio, le indagini dell’Asl hanno documentato che i fanghi rimasti in strada sono carichi di metalli e sono dunque da catalogare come «rifiuti speciali». Che non significa rifiuti tossici (tutti i livelli di metallo, secondo i primi esami, sono inferiori alle soglie per la protezione della salute), ma vanno comunque puliti e smaltiti con attenzione…”. Lo ha ribadito lo stesso Comune di Milano, specificando siano “rifiuti non pericolosi”:

IMG_0137.JPG

Questo secondo loro spazza via anche la questione inquinamento sollevata per le vasche, ma il fatto (lo sottolineo) che le vasche saranno a contatto con la falda acquifera, e che una piccola parte di acqua rimarrà come stagno permanente, beh non tranquillizza affatto. Anche perché in quel caso i fanghi rimarranno depositati nella vasca a lungo, nonostante sia prevista una manutenzione dal costo di oltre 200.000 euro annui. E, tra l’altro, chissà chi dovrà pagare queste manutenzioni.

Del resto la contrarietà alle vasche la ribadiva anche l’onorevole Cimbro in una conferenza a Senago per dire proprio no alle vasche, prospettando altri tipi di intervento: divisione fra acque bianche e nere, ripermeabilizzazione del terreno lungo il fiume, depuratori per pulire le acque, sistemazione la rete fognaria di Milano. Perché, come scrive la Cimbro, “…Questi interventi, fatti insieme, renderebbero inutile il ricorso alle vasche di laminazione che invece, in assenza di questi, diventerebbero rapidamente vasche di decantazione per fanghi e inquinanti vari, con costi altissimi di manutenzione e deperimento delle aree di afferenza, su gli unici territori che hanno gli spazi per contenerle, quelli appartenenti ai comuni più virtuosi, quelli cioè che meno di altri hanno consumato suolo…”. Sarebbe il caso che la Cimbro, del Pd, si facesse sentire maggiormente col suo partito che governa a Milano, intenzionato fermamente a farle queste vasche.

A inizio settembre di scopre che è stato depositato il progetto definitivo per il primo lotto, ovvero per le vasche di Senago. E basta. Ma c’è una curiosità: il primo lotto a Senago è già finanziato con 10 milioni, e altri 20 ne serviranno per terminare quelle vasche. Poi ci sarebbero le vasche a Paderno, Varedo e Lentate, dal costo rispettivamente di 16,1 milioni, 23,5 milioni e 15,6 milioni. Circa 55 milioni che dovrebbero arrivare dallo Sblocca Italia, che però per i problemi idrici ha stanziato per più regioni un fondo di soli 110 milioni. Una coperta cortissima. E poi si cita un’ulteriore vasca a vallo dello scolmatore, in zona Parco Nord, una quinta vasca praticamente mai menzionata da Aipo, dal costo di ulteriori 30 milioni. Come mai?

Scartabellando in rete si trova questo articolo di fine agosto, che parla anche degli studi condotti dal 2010 e che hanno portato a questo progetto. Si dice che il progetto, in quegli anni, avrebbe evitato 10 delle 16 esondazioni accadute a Niguarda. Un progetto faraonico che quindi risolve solo in parte il problema. E contando che i fenomeni ambientali stanno diventano progressivamente sempre più violenti, a causa dei mutamenti climatici, ecco che questo progetto rischia di apparire già obsoleto. Anche perché il completamento di tutto il sistema vasche pare essere molto, molto lontano. E molto indefinito.

Già in passato politici di vario calibro hanno fatto promesse o “velate minacce”, affermando che il progetto sarebbe partito tutto insieme (e ora sappiamo che era una balla) e “accusando” il comune di Senago di fregarsene del problema esondazioni del Seveso. Un comportamento muscolare di fare politica, soprattutto per l’amministrazione Pisapia che ha sempre fatto del dialogo e del confronto un suo punto cardine. Questi signori sono quelli che credono ciecamente in Aipo, quelli che nella relazione finale del progetto affermano non solo che le vasche di Senago avrebbero fermato 10 delle ultime 16 esondazioni, ma che quelle di Senago più quella di Paderno avrebbero fermato 14 esondazioni su 16. Altro che messa in sicurezza, siamo alla solita riduzione del danno, senza per altro considerare eventuali evoluzioni future della situazione.

Ora sono previsti alcuni incontri fra comune di Senago, di Milano, Regione Lombardia e unità di missione del Governo, ma più che incontri per discutere il progetto e la sua effettiva sostenibilità saranno incontri in cui tutti cercheranno di convincere e forzare il comune di Senago ad accettare le vasche. Loro parlano di confronto e dialogo, ma in realtà verranno solo a imporre il loro volere. Con buona pace delle buone parole spese a vuoto.

Annunci


Categorie:Senago

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

3 replies

  1. Buongiorno.
    invito chiunque voglia avere un’idea della qualità delle acque del fiume Seveso a leggere il giudizio espresso, a seguito delle analisi chimiche, nella relazione dell’AIPO.

    https://app.box.com/s/2ywoauv0j61vso820ic9

    Per chi voglia scaricare l’intero file (circa 7 mega):

    https://app.box.com/s/1d4nkljvxcjq9w9t3aqt

    Grazie

    Mi piace

Trackbacks

  1. Seveso e vasche di laminazione | Iperattivo Categorico
  2. Le irregolarità del Seveso e il progetto vasche di laminazione | Iperattivo Categorico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: