NonRecensione – 65: Transformers 4, L’Era dell’Estinzione

20140724-081926-29966663.jpg

Dopo i primi tre film viene dato il via a un reboot della serie, in cui sostanzialmente restano immutati i robot ma cambiano totalmente tutti gli attori umani. Una nuova serie, anche se la produzione ha smentito che sarà una nuova trilogia di film legati fra di loro, ma questo potremo constatarlo col prossimo capitolo programmato per il 2016. Intanto, i voti: Mymovies gli assegna un 3,60/5; Comingsoon un 6,4/10; Imdb un 6,3/10.

Ambientato diversi anni dopo gli eventi di Chicago raccontati nel terzo film, ci ritroviamo con tutti i robot in fuga, braccati da un ramo segreto gestito dalla Cia, dopo la rottura dell’alleanza fra umani e Autobot. Optimus Prime viene ritrovato in un vecchio cinema abbandonato e in rovina da Cade Yeager, piccolo inventore con tanti problemi di soldi: Prime è un vecchio camion in rovina e Cade se lo prende con l’idea di venderlo a pezzi.

Ma scoprirà che quel camion non è normale, e grazie a una soffiata si troverà in casa sua la Cia con l’intenzione di uccidere Prime. Cia aiutata da un misterioso robot alieno, che è anche lui in caccia di Prime: un robot potente, che ha stretto una diabolica alleanza con un uomo della Cia, a sua volta interessato alla tecnologia dei robot perché azionista di un’azienda privata che, grazie a dei rottami dei Decepticon, sta costruendo nuovi robot potenziati.
Solo che non tutto sarà semplice, e il primo nuovo robot costruito dagli umani partendo dalla testa di Megatron, chiamato Galvatron, non si dimostrerà così “addomesticabile” dagli umani.

Molto coinvolgenti gli effetti speciali, soprattutto se accompagnati dalla visione in Imax 3D, che rendono i combattimenti, i voli e le esplosioni molto più che realistiche, direi quasi vere. Esplosioni che, se possibile, aumentano in numero e in intensità ad ogni nuovo capitolo: in questo Michael Bay è praticamente una sicurezza. Belli gli effetti speciali sui Dinobot, i dinosauri robot, che li rendono insieme maestosi e spaventosi.

Questo il cast rinnovato: Mark Whalbeg è l’inventore Cade Yeager; Nicola Peltz è Tessa, figlia di Cade; T.J. Miller è Lucas, amico e socio di Cade; Jake Reynor è Shane, fidanzato di Tessa; Stanley Tucci è Joshua Joyce, padrone della Ksi, azienda che vuole costruire i robot; Kelsey Grammer è Harold Attinger, dirigente Cia che stringe l’accordo con il robot cacciatore alieno; Titus Welliver è James Savoy, capo della squadra Cemetery Wind Team, la squadra che caccia e uccide i robot; Sophia Myles è Darcy Tirrel, ricercatrice della Ksi; Bingbing Li è Su Yeming, direttrice della filiale cinese di Ksi; James Bachman è Gill Wembley, scienziato della Ksi; Thomas Lennon è un assistente del Presidente degli Stati Uniti; e infine Charles Parnell è il direttore della Cia.

La regia, come detto, è sempre affidata a quel piccolo genio con l’ossessione delle esplosioni che è Michael Bay. Film tutto sommato godibile per il suo genere, fracassone e un po’ confusionario, anche se 165 minuti di film lo rendono a tratti quasi interminabile.
Il mio voto finale è un 7,5/10.

Annunci


Categorie:Recensioni

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

2 replies

  1. Io l’ho trovato decisamente inferiore ai primi tre. Scontato, banale e mai appassionante.
    Tutta roba già vista nei primi tre e riciclata.
    Poi come hai scritto la durata è decisamente troppo lunga.

    Complimenti per il Blog! Ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: