NonRecensione – 59: The Amazing Spiderman 2, il potere di Electro

20140513-082326.jpg
Non sono mai stato uno di quelli affezionati alla saga di Spiderman, sono più legato ad altri supereroi, e quindi anche questo capitolo della saga era destinato a restare da una parte. Poi, complice la settimana del cinema che prevedeva biglietti scontati, e complice anche una programmazione che non mi attirava molto, ho finito per scegliere di vederlo in Imax 3D. Ma prima di proseguire, i voti: Comingsoon gli assegna un 6,7/10; Mymovies un 3,14/5; Imdb un 7,5/10.

La storia parla di un Peter Parker diviso fra il suo ruolo di supereroe e quello di normale ragazzo, innamorato di Gwen, sua compagna di scuola. Ma il loro è un amore combattuto per via del pericolo che Spiderman vive ogni giorno, e per via della promessa fatta al padre di Gwen, mentre era suo punto di morte: Peter non l’avrebbe mai esposta a dei rischi. Per questo cerca di starle lontano, fino a che lei gli dice che dovrebbe partire per l’Inghilterra. Nel frattempo Peter si dibatte fra cattivi che rubano un furgone pieno di materiale radioattivo, fra il ritorno di Herry Osborne, vecchio amico che prenderà il posto del padre al comando della Oscorp, fra un nuovo cattivo di nome Electro, un anonimo impiegato della Oscorp che dopo un grave incidente acquisirà il potere di controllare la corrente. E poi la richiesta di Harry di avere il sangue di Spiderman per curarsi, la sua trasformazione, il donale tragico ma insieme pieno di speranza.

Possiamo dire che è un film molto lungo (dura 142 minuti) ma è anche estremamente pieno di personaggi, avvenimenti, tracce e sottotracce che si inseguono e si intrecciano fra di loro in modo quasi indissolubile. Un film dal ritmo irregolare, che ha improvvise accelerazioni durante i combattimenti e brusche frenate nei momenti in cui Peter scava nel passato dei suoi genitori o quando si trova in compagnia di Gwen. Molto accattivante il 3D, con le inquadrature in soggettiva di Spiderman mentre volteggia fra i palazzi, uno spettacolo davvero molto ben confezionato, ma del resto i film sui supereroi sono quelli che più si prestano per questi effetti.

Bello il cast: Andrew Garfield è Peter Parker/Spiderman; Emma Stone è Gwen Stacy; Jamie Foxx è Max Dillon/Electro; Dane DeHaan è Harry Osborn; Campbell Scott è Richard Parker, padre di Peter; Embeth Davidtz è Mary Parker, madre di Peter; Colm Feore è Donald Menken, eccentrico dottore dall’accento tedesco; Paul Giamatti è Aleksei Sytsevich, criminale russo; Sally Field è la zia Mary, zia che ha cresciuto Peter; e infine Chris Cooper è Norman Osborn.

La regia è affidata ancora a Marc Webb: un discreto lavoro con spunti molto fumettistici, come la mano di un inserviente morto che spunta puntando verso l’altro mostrando un oggetto chiave per risolvere un problema. Film piacevole e divertente, che riesce a non sembrare troppo pesante nonostante la lunghezza. Mio voto finale è 7,5/10.

Annunci


Categorie:Recensioni

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: