Te lo ricordi il superbollo?

20140226-080313.jpg
Vi ricordate il superbollo? Voluto dall’allora governo Monti, era una di quelle norme volute per andare a prendere un po’ di soldi nelle tasche dei ricchi proprietari di auto di lusso. Che come principio non è poi sbagliato: se puoi permetterti di avere una macchina da 100mila e più euro, con potenze superiori ai 185 kW, allora chiederti di pagare 20 euro in più per ogni kW oltre quella soglia sembrava una cosa sensata. Il problema è che non è andata proprio come si pensava e si sperava.

Secondo questo articolo di Unrae dello scorso settembre, l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri ha certificato una perdita di 140 milioni di euro suddivisa fra minori entrare fiscali e mancato introito. Addirittura hanno osservato che se per le autovetture oltre i 185 kW il dato del mercato ha indicato una contrazione di -35%, quando il mercato dell’auto ha avuto un più modesto -19,8%. Perché questo grosso crollo?

Guardando anche il calo dei passaggi di proprietà per autovetture oltre quella soglia di potenza (-37%), si può benissimo dedurre come chi aveva comprato auto usate di poco valore ma dalle alte potenze abbia preferito rottamarle, mentre i proprietari ricchi di auto potenti hanno spesso optato o per falsi leasing con targa straniera, preferibilmente tedesca, oppure per la “esterovestizione”, cioè la radiazione della vettura, per poi poterla esportare in un altro paese Ue e poi immatricolarla di nuovo. Per queste ultime d’è un dato interessante: nel 2011 furono 13.000 vetture ad essere radiate, esportate e immatricolate di nuovo, nel 2012 queste vetture furono 29.000, con una crescita del 115%.

Su questo fenomeno ha scritto un articolo anche Il Sole 24 Ore, sottolineando come questa operazione giuridicamente discutibile sia in realtà approvata anche dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 344/E del 5 agosto 2008. Si sottolinea come l’articolo 132 del Codice della Strada preveda che i veicoli con targa estera possano restare e circolare in Italia al massimo per un anno, dopodiché vadano immatricolati di nuovo con targa italiana, obbligo che si può evitare scegliendo una targa provvisoria tedesca, valida al massimo per 12 mesi ad un costo massimo di 2.950 euro, ma rinnovabile per altri 12 con circa 1.900 euro. Ricordando come il superbollo preveda 20 euro per kW aggiuntivo ai 185, si può capire come per un certo tipo di vetture ci sia un grosso risparmio.

A tutto questo fa eco questa notizia riportata da Quattroruote, che racconta come i due concessionari della Ferrari di Modena e Bologna si avviino verso la chiusura. Mentre la Ferrari brinda alla sua continua espansione in tutti i Paesi del mondo, mentre la Ferrari brinda ai numeri di vendita mondiale in continua crescita, mentre festeggiano tutto questo devono anche far fronte alla chiusura di due concessionari nella propria terra, proprio nei luoghi dove quelle auto vengono progettate e prodotte. Uno smacco che risuona forte e doloroso. In Emilia Romagna, prima del superbollo, si vendevano circa 200 Ferrari all’anno, nel 2013 non si è arrivati a fare 60 vendite, nemmeno sommando le vendite delle due concessionarie.

Concludo lasciandovi con le forti parole riportate nell’articolo di un noto concessionario milanese di autovetture di lusso:
La gogna verso i ricchi non li ha resi più poveri, li ha soltanto nascosti un po’ di più rendendo più poveri noi, addetti ai lavori, e il risultato è sotto gli occhi di tutti. Insegne che si spengono, gente che va a casa e famiglie in grossa difficoltà. Se avessi i soldi necessari sposterei oggi stesso la mia attività all’estero. Non importa dove, dappertutto si vendono le auto da sogno meno che nel nostro Paese”

Annunci


Categorie:Motori

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: