Automobili e luoghi comuni

20130910-092007.jpg
Scrivevo tempo fa dei luoghi comuni sulle auto, ci torno dopo aver scovato quasi per caso un articolo su Autoblog. In questo pezzo il tema riguarda una dichiarazione di un politico tedesco, Rainer Bruederle, capolista della Fdp alle elezioni tedesche del 22 settembre: per mettere in difficoltà il leader della Spd Peer Steinbrueck, lo paragona ad una Fiat Punto. Queste le sue parole:

“Signor Steinbrueck lei crede di sapere sempre tutto e nasconde i suoi errori: ma ha una statistica di intoppi paragonabile a quella di una Fiat Punto ma si comporta come se fosse una BMW top di gamma”

Battuta carina e divertente, non c’è che dire. Chi ha scritto l’articolo se la prende affermando che è insensato paragonare vetture di classi così differenti: in parte ha anche ragione, sebbene questa argomentazione non sia proprio il massimo della vita. Oddio, ad onor di cronaca si dovrebbero ricordare anche tutti i problemi di casa Bmw, dalle testate alle turbine dei motori, fino ad arrivare a quell’inconveniente dei pianali che perdevano punti di saldatura. Non proprio l’immagine che un Marchio di alta gamma vorrebbe dare.

Più interessanti invece sono i confronti fatti fra le relazione della Dekra che riguardavano la Fiat Punto e le sue principali concorrenti. Intanto riporto il giudizio sulla Punto:
“Tutte le motorizzazioni delle Punto prodotte fino al 2007 presentano seri problemi di perdite d’olio e di mancanza di tenuta dell’impianto di scarico. Inoltre si sono riscontrati, con una certa frequenza superiore alla media, un’efficienza inaccettabile dell’impianto frenante, oltre a difetti dei giunti degli assali e dello sterzo, rotture delle molle e ammortizzatori non a tenuta. Difettosità tipiche: efficienza freno di stazionamento insufficiente o squilibrata; motore/cambio sporco d’olio”.

Il quadro non sembra confortante. E le avversarie? Questa riguarda la Mini Cooper R50:
“L’elevata usura al gruppo di trasmissione è conseguenza dell’assetto rigido e dello stile di guida sportivo. Dal controllo DEKRA si evince che, soprattutto sui modelli Cooper, l’impianto frenante viene molto sollecitato, il che comporta una quota di difettosità superiore alla media. Un punto debole della Mini è rappresentato anche dalla regolazione dell’angolo di illuminazione. Difettosità tipiche: regolazione del fascio luminoso difettoso; usura all’impianto frenante; giunto della barra di accoppiamento usurato”.

Altra valutazione, quella della Opel Corsa:
“La Corsa C, anche nelle vetture con meno di 50.000 km, deve fare i conti con valori di difettosità superiori alla media, soprattutto per quanto riguarda la corrosione dell’impianto di scarico. Inoltre le sospensioni si rompono molto spesso, i giunti della barra di accoppiamento si indeboliscono con il tempo, mentre le perdite d’olio sono all’ordine del giorno. I periti DEKRA assegnano buoni voti alla carrozzeria; anche l’impianto frenante risulta migliore della media ai chilometraggi più elevati. Difettosità tipiche: rottura della molla sospensione; regolazione del fascio luminoso difettoso; copripolvere usurati”.

Chiudiamo con la Volkswagen Polo:
“La generazione precedente della Polo (Tipo 9N) è inferiore alla media per quanto riguarda il gruppo strutturale telaio/sterzo, l’impianto frenante e quello elettrico. Se si è interessati all’acquisto di una Polo 9N, si dovrebbe concentrare l’attenzione sul funzionamento della regolazione della profondità dei fari, sui problemi ai cuscinetti dei bracci trasversali e sull’usura dei dischi dei freni. Difettosità tipiche: regolazione dell’angolo di illuminazione non funzionante; alloggiamento della barra trasversale usurato; usura all’impianto frenante”.

Da sottolineare, come indicato anche nella chiusura dell’articolo, che le successive versione di tutte le vetture sopra elencate hanno sensibilmente migliorato la loro valutazione di qualità ed efficienza.
Restano, curiosamente, queste valutazioni abbastanza simili di modelli diversi della medesima classe, anche se per il sentire comune le auto straniere sono sempre migliori, a prescindere. Certamente in tanti continueranno a parlare ancora di netta inferiorità delle auto italiane, spesso in modo ingeneroso o improprio, dimenticando le parole di questi rapporti. A tutti, particolarmente a loro, vanno queste brevi valutazioni.

Annunci


Categorie:Motori

Tag:, , , , , , , , , ,

1 reply

Trackbacks

  1. Il cuore spezzato di Fiat « Iperattivo Categorico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: